Sbiancamento Dentale

D: Cos’è lo Sbiancamento dentale?

E’ un trattamento di tipo professionale in grado di eliminare le pigmentazioni, ossia le macchie dentali dovute ad abitudini alimentari (ad esempio caffè, thè, vino rosso), al fumo, e al naturale invecchiamento dei tessuti dentali, restituendo la brillantezza persa.

 

D: In cosa consiste il trattamento?

Consiste nell’applicazione per alcuni minuti sulla superficie dentale di un prodotto in gel a base di perossido d’idrogeno, ossia il principio attivo dell’acqua ossigenata.

Se eseguito dal dentista è sicuro e non è doloroso.

 

D: Quanto dura il trattamento, e che durata ha la sua efficacia?

La durata del trattamento è di 30-40 minuti a seduta; una per l’arcata dentale superiore e una per quella inferiore.
Il risultato dello sbiancamento dentale si manterrà a seconda del paziente da un minimo di sei mesi ad un massimo di un anno; dopodiché sarà possibile eseguire nuovamente un altro trattamento per entrambe le arcate, previa conferma del dentista.

Non è efficace su materiali per otturazioni e sulla superficie delle protesi in ceramica.

 

D: Esistono prodotti per lo sbiancamento ad uso domiciliare?

Si, ma risultano meno efficaci in termini di risultato e durata.

 

D: Esistono controindicazioni per lo sbiancamento dentale?

Si: presenza di carie ed infiammazione gengivale, pertanto è opportuno sottoporsi a visita specialistica prima di procedere con lo sbiancamento dentale; infatti solo se il paziente presenta una buona igiene orale e l’assenza di patologie non curate può effettuare tale trattamento in tutta tranquillità.

Per questo è sconsigliabile utilizzare prodotti per lo sbiancamento domiciliare; il paziente, diversamente dal dentista, non può diagnosticare eventuali patologie (ad esempio carie).