FAQ

Parodontologia

 

D: Cosa si intende per Parodontologia?

La Parodontologia è la scienza che studia le malattie delle gengive e dei tessuti di sostegno dei denti.

 

D: Quali sono le principali patologie parodontali e le loro cause?

Le più comuni patologie delle gengive sono: la GENGIVITE, cioè una infiammazione delle gengive senza distruzione del supporto osseo; la PARODONTITE, che è un aggravamento della gengivite, e provoca perdita dell’osso di sostegno del dente con aumento progressivo della mobilità.

Esiste poi una forma più rara di gengivite che si chiama GENGIVITE ULCERO-NECROTICA ACUTA o con l’acronimo GUNA, che è una forma molto aggressiva, dolorosa, con distruzione della gengiva interdentale ed accompagnata spesso da un rialzo febbrile.

Uno spazzolamento troppo violento può causare altresì una recessione di margini gengivali e la scopertura delle radici dei denti; se questo avviene nelle zone frontali, può provocare problemi estetici.
La causa necessaria della maggior parte delle malattie gengivali è un’infezione causata da batteri orali che colonizzano il solco gengivale; quindi un’igiene della bocca non precisa provoca l’insorgere di tali patologie.

E’ chiaro che, come per tutte le malattie, ci sono delle situazioni favorenti l’insorgere e l’aggravarsi anche delle patologie gengivali. Il fumo è certamente il fattore più importante; malattie come il diabete non controllato, l’uso di alcuni farmaci antiepilettici, antidepressivi o depressori del sistema immunitario condizionano il decorso di queste malattie.

Non va dimenticata inoltre l’influenza della genetica, in quanto alcuni soggetti sono più predisposti ad ammalarsi di altri.

 

D: Quando si deve ricorrere alle cure di un parodontologo?

Quando si nota sanguinamento e arrossamento, gonfiore delle gengive; mobilità o migrazioni dentali, e alitosi.

 

D: Quali terapie esistono?

Esistono differenti tipi di terapie: la prima è legata alla causa della malattia, e cioè un’igiene orale sbagliata, che ha come obbiettivo il controllo dell’infezione batterica per mezzo di una levigatura delle radici effettuata da un’igienista e una igiene orale corretta del paziente.

Se questa terapia non chirurgica non riesce a ripristinare una situazione di salute gengivale, vi sono varie terapie chirurgiche che hanno come obbiettivo finale la creazione di un sigillo gengivale fisiologico.

 

D: Efficacia e tempi delle terapie

La terapia parodontale, se eseguita scrupolosamente e nei casi dove c’è indicazione, da una guarigione completa dai problemi presenti.
A seconda della gravità del caso la durata della terapia può variare da un minimo di 2 mesi ad un massimo di 2 anni.

 

D: Quali controindicazioni esistono per effettuare una terapia?

Pazienti con problemi di salute non controllati devono essere indirizzati agli specialisti del caso per risolvere prima i loro problemi di salute generale.
Nel caso in cui venga programmato con il paziente un intervento di chirurgia parodontale, dovranno prima essere fatte delle specifiche analisi del sangue.

Non potranno essere effettuati interventi chirurgici a pazienti che non controllano in modo adeguato la propria igiene orale domiciliare.